mercoledì 11 luglio 2018

Se si canta la OM, Vijnana Bhairava Tantra



16. Se si canta la OM o altre formule sacre e si evoca il vuoto che segue il suono protratto: per l'eminente possenza di questo vuoto, o Bhairava, si sprofonderà nella vacuità.

L'esempio di un suono protratto è il canto del gallo dove la sillaba finale è tre volte più lunga della prima. Alla fine di un suono prolungato o di una nota tenuta a lungo, si gusta una qualità particolare di silenzio, per parlare col nostro Tantra, di vacuità (shûnyatâ).
OM è il suono primordiale, il verbo eterno (shabda brahman), l'inafferrabile vibrazione (spanda) dalla quale l'universo emana all'inizio di ogni ciclo e nel quale si riassorbe alla fine. Si dirà più avanti qualche parola sul simbolismo dei tre caratteri AUM dei quali questa sillaba è composta. Quando la si canta, la si deve sentire partendo dal cuore (lettera A) poi, tramite la via centrale (sushumnâ), accedendo alla gola (U) e al palato (M). Essa fora in seguito il chakra tra le sopracciglia (bhrûmadya) e la sua risonanza nasale infinitamente sottile non smette di risuonare alla sommità del capo.

Cent douze méditations tantriques, Le VIJNANA BHAIRAVA TANTRA traduit eT commenté par Pierre Feuga Ed. Accarias L'Originel

Nessun commento:

Posta un commento